jump to navigation

.:[razzismo]:. mercoledì, luglio 26, 2006

Posted by Beppe Bravi (Beppone) in vergogna.
trackback

Vado un attimino oltre la leggerezza dell’anguria e vi propongo questi pensieri.
Dopo aver letto questo e quest’altro post di Cristian e questo di Wanda mi sono reso conto che il razzismo ha mille facce….
Ma qual’è quella contorta molla che scatta e trasforma una persona normale in un razzista?
Qual’è l’identikit del razzista?
Io dopo aver letto decine di definizioni diverse.. ho deciso di coniarne una mia.
Il razzista è uno stupido ignorante.
L’ignoranza, lo sostengo da sempre, è uno dei peggiori mali dell’umanità. Solo grazie all’ignoranza gente ignobile può spacciarsi per esportatori della democrazia, dare la guerra in nome della pace, rubare a quelli che si fidano di loro, vendere illusioni mascherandole da panacea di tutti i mali.. dall’economia alla sanità.. dalla giustizia alla scuola..
Se non ci si informa, andando oltre le pillole di “notizie” spacciate per realtà dai media classici (TG, giornali, ecc), resteremo ignoranti.
Ed è per questo che adoro il mondo dei blog, della rete in genere. E’ la possibilità che ognuno di noi ha per dire la propria idea e per confrontarsi.
E’ vero che in rete ci sono talmente tante informazioni che potrebbero fuorviare e far credere agli asini che volano, ma se venisse realmente applicata la volontà di informarsi.. nessuno riuscirebbe a farsi più prendere per i fondelli.
Sono molto pacato, ma la rabbia che monta in me nel sentire affermazioni idiote di persone altrettanto idiote che giudicano senza realmente conoscere è immensa.
Io non mi reputo assolutamente perfetto e da borghese medio, spesso mi devo forzare a non giudicare le persone solo per quello che vedo…ma mi sforzo.. lo faccio.
Ritengo comunque inconcepibile che persone dotate di intelligenza normale.. non dei geni quindi e nemmeno degli stupidi, possano scherzare su argomenti come olocausto, atomica, shabra el shatila oppure possano consapevolmente ignorare, che ritengo la più grossa offesa da portare ad un essere vivente, un uomo solo perchè sieropositivo.
La tristezza in questi momenti fa il paio con la rabbia e pensare che certa gente può potenzialmente essere in grado di procreare e far crescere dei bambini con la stessa mentalità ridotta mi angoscia.
D’altro canto un esempio che ho visto al mare quest’estate mi ha riempito di gioia.
Un padre parlava alla sua bambina di 4/5 anni e ho afferrato questi brandelli di discorso:
“Papà a me fanno schifo i negri!”
“Alessia ‘mo se ti sento ancora dire una cosa del genere ti do uno schiaffo che ti faccio girare in tondo per una settimana!!” (fermandosi arrabbiato e con un forte accento emiliano)
“Ma perchè!!???!!”
“Perchè SI! Non guardare una persona solo per il colore.. ti deve piacere perchè è buona, o non piacere perchè è cattiva, ma mai per il colore!”
“..”
“.. e ricordati!! UNA SETTIMANA ti faccio girare!!!!!!!”

Un sorriso a Wanda ed un abbraccio a Cristian.. e ..a tutti lascio anche questo link per riflettere ulteriormente.

———————————-
AGGIORNAMENTO DELLE 12.47
Mi sono ricordato di queste bellissime parole:
In un mondo di colori il razzista vede in bianco e nero, disprezzando il nero. Si perde così l’arcobaleno della vita. –Ombra
———————————-

Annunci

Commenti»

1. andreadidue - mercoledì, luglio 26, 2006

con “stupido e ignorante” avevo definito tempo fa coloro che votavano berlusconi, esponendo i miei validi motivi! spero di non averti coinvolto. in ogni caso, concordo pienamente con quello che hai detto, e avanzo la proposta di fare santo quell’uomo che ha parlato così alla figlia! ma so che lo avresti fatto anche tu…

saluti Beppe.

2. andreadidue - mercoledì, luglio 26, 2006

dimenticavo: avevo già letto quel post di Keepthepromise, ne son rimasto colpito anch’io. avevo pure commentato…

3. tackutoha - giovedì, luglio 27, 2006

Grazie Beppone per questo tuo post di riflessione su un tema così importante e delicato.
Ebbene sì, anch’io come te la vedo in questo modo.
In più, vorrei aggiungere, se me lo permetti, anche un altro aspetto che fomenta l’essere razzisti. E’ ciò che segue l’ignoranza e la stupidità ovvero il pregiudizio. Difficile da estirpare in alcune persone tanto quanto lo è la zizzania per un campo di sano frumento.
Serena notte. 🙂

ps. Mi hai fatto conoscere una persona eccezionale. Da stanotte lo seguirò anch’io perché ha tanto da insegnarci.
Ciao Cristian, questo saluto affettuoso anche se non ci conosciamo, attraverso Beppone, è per te.

4. dearwanda - giovedì, luglio 27, 2006

Io credo che come default siamo tutti razzisti, perche’ natura ci spinge ad amare il simile e il vicino e a diffidare del diverso e dell’estraneo. L’importante e’ capire questa nostra disposizione, imparare a riconoscerla nei piccoli comportamenti quotidiani, e combatterla sempre. Comunque meno male che c’e’ gente come te beppe che ha i coglioni per incazzarsi quando a soffrirne sono gli altri!!!

un abbraccio,
dearwanda

5. Anonimo - giovedì, luglio 27, 2006

credo anc’hio che temere il diverso sia un riflesso innato, come afferma Dearwanda
io mi sento un “borghese medio” come te, ma mi sforzo di andare oltre e di insegnarlo ai miei figli

6. maga - giovedì, luglio 27, 2006

ero io sopra…

7. Walter - giovedì, luglio 27, 2006

Il razzismo: gran brutta bestia della società! Ciao Beppone buona giornata!! 🙂

8. Beppone - giovedì, luglio 27, 2006

–>andreadidue
Perchè coinvolto? Non lo ricordo.. ma non ti devi creare problemi.. devi esprimere le tue idee..
Ti leggo da parecchio e non mi sembra di aver mai avuto granchè da ridire.. 🙂 almeno finora !! 😉
Si.. volevo stringergli la mano almeno.. ma avevo paura di farmi gli affari loro ancor di più!

–>tack
Vero.. e il fatto stesso che io mi definisca un borghese medio fa capire che uso io stesso il razzismo di classe almeno in versione di “default”…

–>dear
Concordo… riconoscere i propri limiti e i pregi degli altri sarebbe già una grandissima conquista.
Grazie.

–>maga
Sforzati ti prego.. come me.. fallo per loro…

–>walter
Ciao Walter.. si.. proprio una gran brutta bestia.

9. sonia - giovedì, luglio 27, 2006

grazie beppone..abbraccio cristian per prima cosa, anzi creddo che sarà linkato da me…andrò a trovarlo presto!
Stamattina sto troppo male per soffermarmi troppo sul pc.
Grazie per averci segnalato il suo blog…

A più tardi…quando il dolore alla testa mi sarà passato!
Buona Giornata caro!

10. Eulinx - giovedì, luglio 27, 2006

Non potrei essere più d’accordo con quel che dici.
Azzardo l’ipotesi che, oltre all’ignoranza, questi sentimenti siano generati anche da una profonda mancanza di sensibilità e da una totale incapacità di mettersi nei panni dell’altro.

Bisogna aprirsi la mente, bisogna viaggiare e conoscere quel che sta oltre il vialetto di casa nostra. E, soprattutto, bisogna insegnare ai piccoli tutto questo.
Un caro saluto

11. vulcanochimico - giovedì, luglio 27, 2006

Grazie per questo splendido post,avevo trattato l’argomento tempo fa ti lascio un brano di un libro che dovrebbero far leggere a grandi e piccini…Una buona giornata e un sorriso grande:-)
“…-Dimmi babbo che cos’è il razzismo?
-Tra le cose che ci sono al mondo, il razzismo è la meglio distribuita è un comportamento piuttosto diffuso comune a tutte le società tanto da diventare,ahimè banale.Esso consiste nel manifestare diffidenza e poi disprezzo per le persone che hanno caratteristiche fisiche e culturali diverse dalle nostre.
-Quando dici “comune”,vuol dire “normale”
-No.Non è perchè un comportamento è corrente che può essere considerato normale.In generale l’essere umano ha tendenza a non amare qualcuno che è differente da lui,uno straniero per esempio:è un comportamento vecchio come l’uomo ed è universale.e’ così dapperttutto.
-Se capita a tutti anch’io potrei essere razzista!
-Intanto la natura spontanea dei bambini non è razzista.Un bambino non nasce razzista .E se i suoi genitori o i suoi famigliari non gli hanno messo in testa delle idee razziste,non c’è ragione perchè lo diventi.Se, per esempio,ti fanno credere che quelli che hanno la pelle bianca sono superiori a quelli che ce l’hanno nera,e se tu prendessi per oro colato quell’affermazione,potresti assumere un atteggiamento razzista nei confronti dei negri.
-Cosa vuol dire essere superiori?
Per esempio,credere che uno per il fatto che ha la pelle bianca,è più intelligente di qualcuno che ha la pelle di un altro colore,nera o gialla.In altre parole ,l’aspetto fisico del corpo umano,che ci differenzia l’uno dall’altro,non implica alcuna disuguaglianza….”
tratto da “Il razzismo spiegato a mia figlia”pag.9-10 Ed.Bompiani 2000.
A presto Vulcanochimico-

12. Alex321 - giovedì, luglio 27, 2006

Ma complimenti a te, per questo post bellissimo!
Il pregiudizio prende piede facilmente nella società, c’è poco da fare… e c’è bisogno sia di genitori come quello che descrivi sia di post come questo.
Ciao a presto
Alessandro

13. dilwica - giovedì, luglio 27, 2006

ci sono ci sono…devo solo riprendermi un pochino…grazie infinite. Tornerò e commenterò il tuo post appena mi ri-sistemo un po sicuramente in giornata. La Spagna ha invaso Roma in questi giorni e…l’ha destabilizzata come al solito. 🙂 Sto bene però molto bene. Un bacio

14. Irlanda - giovedì, luglio 27, 2006

Grande post
“Non é la fame ma l’ignoranza che uccide” (Litfiba,quelli vecchi)
Un abbraccio compagno ed é bello sapere che esistano persone come te

15. Beppone - giovedì, luglio 27, 2006

–>sonia
Ne sono contento.. mi spiace invece per la tua testa.. su .. falla riposare oggi!

–>eulinx
Certissimo.. ma .. secondo me basterebbe viaggiare anche con il cervello ed il cuore.. e allora si capirebbe di più.

–>vc 😉
Ottima indicazione. Grazie.. lo comprerò per quando le mie figlie cresceranno.

–>alex
Grazie della visita… e dei complimenti.. 🙂
Verissimo.
Torna quando vuoi.

–>dilwica
Ola chica.. 😛 ok.. quando vuoi.

–>irlanda
Mi hai fatto tornare in mente Maudit… 😀
Orgoglioso di essere considerato un tuo compagno! 😉

16. Garbo - giovedì, luglio 27, 2006

Caro Beppone,
condivido la tua scelta di trattare questo argomento adesso, proprio perché il razzismo è qualcosa che si insinua subdolamente in tutte le società ed emerge nei momenti di crisi (come quello attuale) come scorciatoia per affrontare le questioni che ci si pongono. Quante assurdità ho letto in questi giorni sugli ebrei e sugli arabi, assurdità che tendevano a rendere l’uno culturalmente se non addirittura geneticamente migliore dell’altro e quindi dalla parte della ragione.
Questo atteggiamento discriminatorio è definito razzismo, ma impropriamente, perché per parlare di razze diverse occorrerebbe provare differenze biologiche e genetiche fra i popoli, differenze inesistenti, che nemmeno i genetisti tedeschi durante il regime nazista riuscirono a dimostrare, d’altra parte è persino imbarazzante scoprire come siamo molto simile allo scimpanzé (e a tutti i primati) dal punto di vista genetico. Parlerei piuttosto che di razzismo, allora, di intolleranza culturale basata su una presunta (o inesistente) differenziazione del genere umano in razze differenti. Penso che la migliore risposta a questa identificazione razziale l’abbia data Albert Einstein quando al suo ingresso negli Usa dovette compilare il consueto questionario; alla vice razza scrisse sopra: “umana”.
Tu ti interroghi sulla genesi di questo atteggiamento e io condivido perfettamente la risposta che ti dai: si tratta di ignoranza, ma di un’ignoranza imposta dalla paura. Fin da piccoli, di fronte a qualcosa (o qualcuno) di nuovo, oscilliamo contemporaneamente fra due desideri: la curiosità verso il nuovo, la voglia di conoscerlo e di vedere come possiamo interagire con lui e la paura di esplorare un terreno nuovo e potenzialmente pericoloso. Il razzista è un adulto in cui è prevalsa la paura e non si da l’opportunità di conoscere le persone nella misura in cui le sente differenti da sé. Non vuole rischiare di mettere in gioco il proprio equilibrio interno (magari alquanto precario e instabile) per avventurarsi in nuove forme di relazione dove sarebbe costretto a modificarsi un po’ di più del solito, a mettere in discussione alcune sue certezze e se stesso.
Un saluto da Garbo

17. Ombra - giovedì, luglio 27, 2006

Il razzismo nasce dalla stupidità, cosa che ben si accompagna ai vari fanatismi, ce ne sono tanti, basta sceglierne uno… religioso, politico, calcistico e via così.

18. Calimera - giovedì, luglio 27, 2006

Non capisco chi è razzista, lo sento lontano da me millemiglia, perché credo che la tolleranza sia la più grande conquista della nostra civiltà. Ma purtroppo c’è tanta cieca ed ostinata ignoranza e in questo hai perfettamente ragione, eredità di educazioni sbagliate e opinioni miopi. Ma si cresce a fatica, mio caro amico, anzi, spesso non si cresce affatto 😦

19. winston - giovedì, luglio 27, 2006

Ciao Beppe, grazie del commento. E’ un giorno davvero amaro questo. Insieme alle sentenze sul cacio l’indulto inciuciato. Mi sembra di vederle le facce dei furbetti che ridono soddisfatti alla faccia degli onesti. E mi ci danno.

20. kalispera - giovedì, luglio 27, 2006

non conoscevo il blog di cristian l’ho scoperto grazie a te e l’ho già inserito tra i preferiti..mi ha molto tocccato il suo post ma devo dirti la verità non ho commentato…non per razzismo ma perchè non so cosa scrivere…insomma che ne so io della sua malattia che ne so io della guerra che lui vive tutti i giorni contri chi per ignoranza lo discrimina???
allora per non essere fuori luogo per non essere scontata e stupida ho taciuto e ho solo letto
lui ha tutta la mia ammirazione ma io mi pongo tanti ma…
non credo di essene capace
questo è un limite non so se è razzismo…ma di sicuro non è matura…forse dovrei essere più come quel papà….

21. fabio.evergreen - giovedì, luglio 27, 2006

Ciao Beppe, argomento importante il razzismo. Bisogna parlarne spesso, per diminuire l’ignoranza. Ma come già hanno detto altri è la ragione che deve prevalere, l’istinto ci porta ad essere razzisti,
e razzismo spesso coincide con discriminazione, intolleranza, integralismo, estremismo. Basta anche meno di una intelligenza “normale” per essere umili e buoni d’animo…..
Belle le ultime parile scritte.
Un abbraccio

22. andreadidue - giovedì, luglio 27, 2006

ok, grazie! comunque penso il padre sapesse di aver fatto bene, non c’era bisogno di stringergli la mano! saluti.

23. Ambrosia - giovedì, luglio 27, 2006

mitico il Papà che ha minacciato la bambina 🙂
ce ne fossero vagonate di persone così.
Bel monito
peccato che non tutti siano dello stesso registro :*
buona serata mio saggio Amico di penna
tutto bene con le tue donne?
un bacione
Ambrosia

24. Sbloggata - venerdì, luglio 28, 2006

Arcobaleni vitali….
Sottoscrivo ogni virgola caro Bepppp e dipingo il mio cammino di colori.

25. peperita - venerdì, luglio 28, 2006

buongiorno,

apprezzo molto questo tuo post. e rifletto.

mi rendo sempre più conto di come il razzismo nasca dalla PAURA.
paura del diverso, in tutte le sue forme o colori.
a volte abbiamo persino paura di trovare anche in noi qualcosa di diverso… e ci accaniamo contro la nostra persona per cercare di diventare come gli altri, o ci nascondiamo.

ma perchè?
perchè?

ammiro chi con coraggio porta aventi le proprie idee, la propria realtà, e lotta affinchè tutti siano rispettati.
grazie per questo post, beppone, veramente, grazie.

cercherò di far brillare ancora di più i colori dell’arcobaleno che ho io e di lasciare che gli altri siano semplicemente se stessi…

un abbraccio
Stefy

26. disastro - venerdì, luglio 28, 2006

O.T. stiamo per partire….buon lavoro ed un bacio alle piccole (anche a chi è ancora comodamente in pancia!)
ciao
alessandra

27. conte - venerdì, luglio 28, 2006

tema difficile sicuramente, ho letto di cristian e gli mando un abbraccio.il problema è che la parola tollerare, come ho letto nei vari commenti. significa sopportare piu o meno,quindi gia si parte con il piede sbagliato.tu sai beppone o l’hai capito, che fino a 10 anni fa ero vicinissimo all’estrema destra e tutto cio che comporta a livello ideologico,e solamente conoscendo le realta altrui si riesce a capirne le differenze e a non averne paura,quindi di conseguenza ad accettarle e non discriminarle.vedi io ho un phone center quindi lavoro solo con stranieri di tutte le nazioni, non mi piace perchè un minimo lo conosco il mondo arabo, eppure ho amato due donne musulmane, tutto questo per dire che solo con l’amore si riesce ad andare oltre ed amare la vita propria e quella degli altri.sono il fanatismo e gli integralismi che portano al razzismo, dal calcio alla politica alle religioni, gli interessi diversi che ci separano.perchè e faccio un esempio banale, sto allo stadio segna la roma e abbraccio un senegalese…e se lo vedo sulla spiaggia gli dico di girare al largo??un caro saluto.

28. dearwanda - venerdì, luglio 28, 2006

ciao bepp1! Non ti ho visto in giro oggi. Avrai avuto di meglio da fare. A presto! w.

29. Alex321 - venerdì, luglio 28, 2006

No, per schiaffo ad un parlamentare… ti processano per direttissima 😀

30. sonia - venerdì, luglio 28, 2006

Ciao bepp…da domani il blog si spegne per qualche giorno, non pensavo di partire ma mi si sono presentate diverse occasioni!

Ma nei prossimi giorni passa lo stesso…ok? ho un pensierino per ognuno!

Buon week

31. Dilwica - venerdì, luglio 28, 2006

Il razzista è uomo spaventato.
Spaventato da ciò che avverte diverso da se e dalle proprie certezze. E’ un essere chiuso, abitato da una povertà di spirito profonda. E’ un uomo che andrebbe aiutato a non avere paura degli altri e soprattutto di se stesso. Perchè solo quando siamo in grado di aprirci all’altro, di accoglierlo, siamo riusciti a accettarci per quello che siamo. Il razzista è un uomo solo destinato a rimanere tale.
Bellissima la frase di Ombra.
un bacio anzi no un beso. 😉

32. Frank57 - venerdì, luglio 28, 2006

Rigorosamente OT.
Scusami Beppone, ma gradirei che venissi a leggere il post del 28 luglio, perché ci terrei molto a ricevere la tua valutazione. Non lo faccio per esibizionismo.
Grazie e ciao

33. adry - sabato, luglio 29, 2006

permettimi di ricitarti:
1)..Il razzista è uno stupido ignorante.
L’ignoranza, lo sostengo da sempre, è uno dei peggiori mali dell’umanità
2)..ma la rabbia che monta in me nel sentire affermazioni idiote di persone altrettanto idiote che giudicano senza realmente conoscere è immensa…
3)La tristezza in questi momenti fa il paio con la rabbia e pensare che certa gente può potenzialmente essere in grado di procreare e far crescere dei bambini con la stessa mentalità ridotta mi angoscia…
questi 3 pensieri,sono esattamente miei!!! nel senso che non li averei potuti scrivere meglio di come hai fatto tu! io la penso proprio ugale a te!!! e la cosa tragica è che il popolo italiano è molto, molto, ignorante, e gli scolari non sono abituati nella scuola moderna ad utilizzare quel muscolo che c’abbiamo sotto la calotta cranica! 😦
… bellissima persona invece è quella della quale c’hai narrato!! per fortuna che ce ne sono tante sparse qua e là! :))
anche tu sei una bella persona e già questo è una cosa positiva per il fututo(in più mettiamoci tua moglie, approposotp come sta?)… e in più ne hai fatte 2 che porteranno in giro il tuo pensiero… grazie!!! :)))
un saluto dall finalmente ventilata e fresca Roma!!! :))

34. vincenzo - sabato, luglio 29, 2006

Grazie mille per questi post e soprattutto per questi link, è un piacere conoscere persone giuste come voi. Ancora qualche post così socialmente utile e divento un tuo seguace estremista. Ciao e grazie ancora.

35. franceschito - sabato, luglio 29, 2006

Da meridionale al Nord da tanti anni, anch’io ho dovuto subìre alcune manifestazioni di razzismo. Sai, Beppe, non quel razzismo “hard” riservato ai neri, ma quello “light” che, da Roncobilaccio in su, viene quasi bonariamente destinato a quelli nati da Orte in giù. Una volta un anonimo poveraccio del luogo, evidentemente alla ricerca di cognomi del Sud sull’elenco telefonico, mi chiamò nottetempo per invitarmi ad andar via dalla Padania. Ma l’affermazione che più mi ha ferito, in tutti questi anni, è stata quella più candidamente pronunciata. “Non sembra nemmeno un meridionale”, mi disse una volta una conoscente, signora di mezza età, forse credendo di farmi un complimento.
E’ solo folklore locale, che non mi impedisce di amare la città e la regione che mi ospita. Anche perché qui è nata mia moglie, qui è nato mio figlio. Quando penso a casa mia, ormai penso a questa cittadina emiliana, sonnacchiosa e burbera.
Un abbraccio, Beppe.

36. Batsceba - sabato, luglio 29, 2006

discriminazione e razzismo. è qualcosa di più di ignoranza. nelle società primitive, paura del diverso, quindi ignoranza. in quelle evolute (fra virgolette) arroganza, presunzione.
anche essere pacifista ti rende discriminato…
però, differenziamo i concetti: discriminazione, razzismo, classismo. certo il risultato è identico, ma le nostre connessioni cerebrali lavorano di più se facciamo tre discorsi diversi e cerchiamo le ragioni. non semplifichiamo sempre.
ho letto che durante degli esami universitari, studenti di estrazione borghese, non sapevano il significato della parola olocausto.
mi faccio sempre una domanda? come si può dire la mia filippina, ho una rumena, la ucraina della zia? e a parte tutto, come si può avere del personale di servizio? non ditemi: lavoro e ho bisogno di… perchè non lo trovo corretto.
peace

37. Beppone - sabato, luglio 29, 2006

–>garbo
Beh caro Garbo.. nulla da eccepire.. un’analisi perfetta..
Io sono un adulto che ha cominciato a farsi domande.. tardi magari.. ma me le sono poste.. e ho visto che le risposte “standard” non sono affatto soddisfacenti.
Grazie.

–>ombra
Giusto….

–>calimera
Vero amica mia.. molto vero..

–>winston
😦 vero!

–>kalispera
Nessuno nasce con preimpostato lo stato “SOCOMEFARESEMPRE= ON” 🙂
Sono contento che ti piaccia quello che scrive Cristian e sono straconvinto che troverai le parole giuste al momento giusto..
Riconoscere i propri limiti è un segno di grande maturità…almeno per come la vedo io!!

–>fabio
Verissimo. Concordo in pieno.

–>andreadidue
Già.. lo credo anch’io!

–>ambrosia
Grande davvero.
Grazie le donne proseguono sempre meglio .. Sara si è impadronita del suo papà al 120% e il restante (??) lo dedico a Franci. 🙂

–>sbloggata
Grande sblogg… che il tuo sentiero sia un arcobaleno!

–>stefy
Ottimo proposito.. lasciare che gli altri siano se stessi! Fantastica frase. Grazie.

–>disastro
Grazie e soprattutto buon divertimento a voi.

–>conte
Si .. lo so.. i tuoi trascorsi li avevi già dichiarati in passato, ma questo non fa di te una persona diversa 😀
Scherzi a parte .. non ho una risposta alla tua domanda sul senegalese… ma sicuramente mi è piaciuta l’affermazione dove dici che già si parte con il piede sbagliato .. e su questa rifletto.

–>dearwanda
No.. nulla di meglio :(, ma sono costretto via dal pc.. e quindi si spiegano le risposte in ritardo..

–>alex321
Ah .. ok! 😀

–>sonia
Passerò senz’altro. Buon riposo. 🙂

–>dilwica
Grazie del pensiero Ale.. sono d’accordo.. può essere solo anche un uomo con moglie e 100 figli!

–>frank57
Passerò assolutamente non appena mi sarà possibile.. Non preoccuparti.. non potrò mai pensare che tu sia esibizionista 🙂

38. Beppone - sabato, luglio 29, 2006

–>adry
Lusingato della affinità di pensiero 🙂
Sono d’accordissimo sugli studenti, ma la colpa è anche e soprattutto di insegnanti e genitori.. C’è da sperare che la situazione migliori…
Stanno bene grazie. Un saluto ai sette colli rinfrescati.. 😀

–>vincenzo
Per carità non posso permettermi seguaci! 😉
Grazie.

–>franceschito
Ho vissuto la tua stessa situazione al contrario. A 12 anni sono andato a vivere con i miei in Sicilia.. e venivo comunque guardato con occhio strano..
Il razzismo .. anche quello soft.. buono.. indulgente ma classificatore.. è talmente radicato nelle mentalità che penso sarà impossibile da estirpare.. mi accontenterei di risolvere quello heavy!
Un saluto.

–>batsceba
Vedo che lo stress non ti impedisce di lavorare con lucidità 😀
Son d’accordo..
Sulle definizioni date “mia filippina”.. ecc.ecc. .. non approvo assolutamente..
Sulla necessità di alcuni di avere qualcuno che li aiuti in casa invece.. ti posso dire che con mia moglie sul divano quasi tutto il giorno.. io arrivo a sera e dopo aver dato retta a Sara .. rimane il resto da fare.. Ebbene non mi vergogno di utilizzare i servizi di una signora che con un paio d’ore due volte a settimana “fa il grosso”.
E’ ovvio che ne potrei fare a meno.. a patto di andare a letto ogni giorno alle due per fare i mestieri… ma ti assicuro che faccio fatica alle 11 a rispondere sul blog..
Quindi.. non credo che tutti quelli che abbiano collaboratrici lo facciano per necessità, quanto per “evitare” lavori antipatici e pesanti.. e qui concordo con te…
Ma per i casi di necessità.. avere qualcuno che ti sgravi da queste incombenze (a patto di trattare a pari e con uguale dignità) non ci trovo nulla di riprovevole.. 🙂

39. dearwanda - domenica, luglio 30, 2006

Io servi non ne terrei mai, ma concordo con te beppe che la servitu’ ben pagata e condita del dovuto rispetto e’ cosa diversa dalla schiavitu’.Batsceba solleva una questione importante, quella delle espressioni apparentemente innocenti che invece rivelano il razzismo congenito e forse inconsapevole di chi le usa. Penso ai titoli di un giornale tra i meno peggio, Repubblica, che leggo regolarmente: Romeno investe due ragazzine sul litorale, chiuse sei cliniche cinesi abusive, sgominata banda di rapinatori albanesi, ecc. ecc. ecc. Perche’ non semplicamente ‘pirata della strada’, ‘falsi dottori senza licenza’, ‘rapinatori’? Perche’ questo enfatizzare sempre la nazionalita’ (spesso tra l’altro inesatta!) se non per suggerire piu’ o meno intenzionalmente l’associazione automatica tra l’una e l’altra cosa (il reato e la nazionalita’)?

40. Beppone - lunedì, luglio 31, 2006

–>dear
Proprio vero… sono termini che ben si adattano alla nostra piccolezza umana…. 😦

41. fabio.evergreen - lunedì, luglio 31, 2006

Un saluto veloce, buon inizio settimana!

42. billo - lunedì, luglio 31, 2006

sono di passaggio, per cercare di fare un salutino a tutti gli amici….spero che francy e la bimba stiano bene….un abbraccio a tutti voi e un bacione molto rumoroso a sara….
billo & co.

43. Dusseldorfer - lunedì, luglio 31, 2006

L’identikit del razzista?
Basta volgere lo sguardo in medio-oriente in questi giorni per vedere un’immagine nitida del soggetto.

Il razzismo è l’evoluzione massima della paura!

44. lapegiulia - lunedì, luglio 31, 2006

triste verità..in un mondo dove si dovrebbe essere tutti uguali c’è ancora chi guarda il colore della pelle o la diversa nazionalità…..gran bel post…

45. Ombra - lunedì, luglio 31, 2006

…e grazie per la citazione 🙂

46. nadia - lunedì, luglio 31, 2006

ciao ….come vedi sono rimasta in tema anch io …..e’ un argomento che a mio avviso e’ alla base di tutti i nostri problemi quotidiani !!!!! non credi ????………..
ciao carissimo.

47. Grande Fratello 7 - lunedì, luglio 31, 2006

SEI STATO NOMINATO!

48. Beppone - martedì, agosto 1, 2006

–>fabio
Thank’s.. 🙂 altrettanto a te.

–>billo
OK! Ben tornata e grazie. Ci sentiamo.

–>duss
Vero.. anche questo è molto vero.

–>lapegiulia
Grazie apetta.. molto gentile. Si .. è molto triste…

–>ombra
fffiuuuu pensavo volessi le royalties 🙂

–>nadia
Diciamo che è uno dei mattoni su cui si basano le nostre rogne quotidiane.. si..
Ho visto.. se non è affinità elettiva questa 😀

–>GF7
Noooooooo!! anche ad Agosto??!?!?!??

49. Patafrulli - mercoledì, agosto 2, 2006

Sono per la Giustizia in tutto e per tutto…
e sono una delle tante che nelle istutuzioni ormai ha perso la fiducia.

Detesto queste guerre che spargono sangue tra piccoli innocenti e vedere che nessuno prende provvedimenti!

Detesto sapere che per comodo di qualcuno,domani dovrò andare in giro armata,perchè quella è l’aria che tira e maledire il giorno che sono nata brava persona piuttosto che una delinquente…forse adesso avrei più privilegi!
Buonagiornata Beppe…questo mondo mi fa sempre più schifo!


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: